Offlaga, scoperta discarica abusiva di reflui e letame

L'hanno notata le guardie ecologiche volontarie della Provincia al confine con Leno e Manerbio. Si indaga sugli autori ed è stata ordinata la bonifica.

(red.) Centinaia di metri cubi di pollina, letame e reflui zootecnici sparsi in un’ampia area di Offlaga, nel bresciano, di fatto diventata una discarica abusiva a cielo aperto. Ne dà notizia il Giornale di Brescia su quanto hanno scoperto nei giorni precedenti a venerdì 20 aprile le guardie ecologiche volontarie della Provincia di Brescia durante uno dei consueti sopralluoghi sui vari territori. Si tratta di sostanze scaricate da qualche allevatore tuttora ignoto all’interno di un’area di cui risulta proprietaria un’agenzia immobiliare. Un vero e proprio scempio che ha provocato un danno ambientale e forse raggiungendo anche le falde acquifere.

La zona è quella confinante con i paesi di Manerbio e Leno e dove gli autori degli scarichi hanno pensato a tutto. Non solo a gettare reflui e scarti avicoli e animali, ma anche a definire dei percorsi nel terreno per condurre il percolato verso alcuni corsi d’acqua che scorrono nelle vicinanze. La situazione è stata subito segnalata alla Polizia Locale di Manerbio, alla Protezione civile, all’Arpa e all’Agenzia di Tutela della Salute di Leno. La Polizia Provinciale tramite il comandante Carlo Caromani sta indagando per arrivare agli autori, mentre il Comune di Offlaga ha emesso un’ordinanza per disporre la bonifica di tutta l’area.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.