Pza Tebaldo Brusato, ancora baby gang

E' successo sabato sera quando un 17enne e un amico si sono visti presentare un primo aggressore seguito da altri. Un altro è stato rapinato del cellulare.

(red.) Piazza Tebaldo Brusato, nel cuore del centro storico di Brescia e dove si trova anche il comando provinciale dei carabinieri è tornata al centro di episodi di cronaca, in particolare di violenze a scopo di rapine. E anche in questo caso si parla di presunte baby gang che sarebbero entrate in azione. Di quanto avvenuto sabato sera 7 aprile ne dà notizia Bresciaoggi che ha raccolto la testimonianza di uno dei coinvolti. E’ accaduto poco prima delle 23,30 quando un ragazzo, uno studente di 17 anni, si trovava con un amico ed era appena arrivato in piazza quando è stato avvicinato da un altro giovane, pare un coetaneo.

Questo, sembra straniero, ha intimato al 17enne di consegnargli il cellulare, ma poi ha cominciato a prenderlo a calci e pugni sul volto. Subito dopo a dare manforte all’aggressore sarebbero arrivati altri ragazzi e a quel punto la vittima con l’amico ha cercato di scappare verso l’unica meta possibile, cioè lungo la salita verso il castello. Durante quegli attimi concitati il 17enne ha anche chiamato la sorella al cellulare per chiedere aiuto e quando sono arrivati nelle vicinanze del maniero, il giovane e l’amico hanno notato altri ragazzi che stavano scappando anche loro probabilmente dalla stessa baby gang.

E nel corso della serata il gruppo violento sarebbe riuscito nell’intento di rubare il cellulare a un altro ragazzo. Sul posto, dopo la segnalazione, sono arrivate le ambulanze con i carabinieri ai quali sono stati denunciati gli episodi. Il 17enne ferito al volto è stato condotto alla Poliambulanza di Brescia dove è stato medicato, ma comunque non ha riportato fratture. L’altra vittima, quella derubata del cellulare, è stata invece condotta al Civile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.