Quantcast

Camionista di Carpenedolo muore investito

Eugenio Fata lunedì al porto di Genova era stato travolto da una motrice in manovra mentre chiedeva informazioni sul posto. Il decesso avvenuto martedì.

Più informazioni su

(red.) Grave lutto per l’azienda bresciana Monteverdi di Carpenedolo. Nel pomeriggio di martedì 27 marzo all’ospedale di Genova è morto il camionista Eugenio Fata. Originario di Cosenza, ma residente da anni a Solferino, in provincia di Mantova, con la moglie e una figlia, era rimasto vittima di un drammatico investimento lunedì 26 pomeriggio nel parcheggio del porto di Genova.

Il 60enne, infatti, mentre era sceso dal suo mezzo pesante per chiedere informazioni, venne travolto da una motrice che era in manovra al terminal Vte di Prà. L’uomo venne subito soccorso e ricoverato in condizioni gravissime all’ospedale di Genova dove è morto il giorno dopo. Il porto ligure è stato poi chiuso per 24 ore per uno sciopero indetto dai lavoratori a seguito della tragedia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.