Quantcast

Brescia, Loggia e Polizia sospendono il bar “Dejavu“

Il locale di via Dalmazia è stato scoperto in due sopralluoghi mentre ospitava balli e canti, quindi pubblico spettacolo, senza avere l'autorizzazione.

Più informazioni su

(red.) Chiusura forzata di 5 giorni per il bar “Dejavu” di via Dalmazia a Brescia. Lo hanno deciso con un’ordinanza il Comune e la Polizia Locale dopo aver svolto due sopralluoghi a distanza di alcuni mesi e scoprendo che all’interno non c’era solo un servizio di drink ai clienti, ma anche balli e canti. In pratica, serate di pubblico spettacolo nonostante non avesse l’autorizzazione per farlo.

Gli agenti della municipale avevano controllato il locale il 25 novembre facendo scattare una sanzione per il titolare. In seguito, il 26 gennaio, si è svolto un nuovo sopralluogo notando che i balli e i canti continuavano, ma ancora senza autorizzazioni. Quindi, il locale è stato segnalato all’autorità giudiziaria che ha notificato la chiusura per cinque giorni dopo l’ultima serata di divertimento di sabato 24 febbraio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.