Estorsione e usura Brescia, arrestato Longo

Manette in Messico per il latitante napoletano. Nel 2007 era stato condannato dal tribunale di Verona per i suoi illeciti anche nella nostra provincia.

Più informazioni su

(red.) Nelle prime ore di giovedì 25 gennaio la Direzione Investigativa Antimafia (DIA) della sezione di Padova ha individuato in Messico Salvatore Longo. Da anni residente con la famiglia nel Paese centroamericano e titolare di un ristorante, il napoletano era latitante dal 30 maggio 2007. Infatti, è sfuggito a una condanna a 9 anni di reclusione che il tribunale di Verona gli ha rifilato per estorsione e usura tra la provincia veneta e quella di Brescia tra il 2005 e il 2009.

Applicava tassi di interesse da usura, fino al 200% all’anno, verso i commercianti dell’abbigliamento delle due zone lombarda e veneta. Queste attività che Longo conduceva erano legate al clan camorrista Licciardi di Napoli nord e Scampia. Il latitante deve anche essere sottoposto alla sorveglianza speciale da parte della Polizia di Stato ed emessa dal tribunale veronese nel 2006.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.