Bassano, ladri portano via moto da concessionaria

Martedì notte una banda su due furgoni ha fatto irruzione alla "Sarauto" di via Mattei. Spariti sei veicoli, il gruppo ha preso strade secondarie per fuga.

Più informazioni su

(red.) Nella notte tra martedì 28 e mercoledì 29 novembre una banda di malviventi ha messo a segno un furto di moto all’interno della concessionaria “Sarauto” di via Mattei a Bassano, nel bresciano. Ne dà notizia il Giornale di Brescia riportando un post su Facebook del punto vendita. Tutto è stato ripreso dalle telecamere interne al negozio, ma anche il titolare ha fornito informazioni ai carabinieri che indagano. L’intera dinamica è partita poco prima delle 4 quando i ladri hanno raggiunto l’attività commerciale di veicoli. A bordo di due furgoni, sono poi scesi usando un piede di porco per aprire il cancello esterno e quindi la principale porta d’ingresso.

A quel punto hanno messo occhi e mani su sei moto, tutte di marca Yamaha in esposizione, tra le più costose e preferite. Un valore totale di più di 70 mila euro. Nell’arco di tre minuti e nonostante fosse scattato l’allarme che ha poi svegliato i residenti del quartiere, la banda ha caricato i sei veicoli sui furgoni per poi darsi alla fuga. Ma hanno evitato la via principale, puntando invece su strade secondarie attraverso la zona industriale e per non farsi immortalare dalle telecamere di videosorveglianza.

Insomma, un colpo rapido, andato a segno e probabilmente studiato nei minimi dettagli da tempo. I carabinieri di Verolanuova stanno cercando di identificare i due furgoni, anche se l’impresa sarà complicata, visto che non c’è traccia dei mezzi. E il titolare si rivolge a chi possa aver visto qualcosa e di denunciarlo alle forze dell’ordine. Dal punto di vista della concessionaria, si tratta di danni ingenti, tra le moto rubate, altre rotte perché finite a terra nella fuga dei malviventi, oltre agli ingressi forzati.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.