Castel Mella, ubriaco contro familiari e militari

Venerdì sera il 45enne bosniaco e sotto gli effetti dell'alcol ha spinto la suocera e poi ha cercato di scagliarsi sul cognato. Poi gli sputi ai militari.

Più informazioni su

(red.) E’ una scena di follia quella che si è svolta venerdì sera 3 novembre a Castel Mella, nel bresciano. Un 45enne bosniaco, completamente ubriaco, è tornato a casa ed è bastata una scintilla, forse il fatto che fosse di nuovo sotto l’effetto dell’alcol, per scagliarsi contro i familiari. Prima contro la suocera che avrebbe spinto a terra procurandole un trauma alla testa, poi contro il cognato. Dall’abitazione è quindi partita una chiamata al 112 per chiedere l’intervento dei soccorsi e delle forze dell’ordine.

I carabinieri hanno cercato di calmare il 45enne, ma in compenso hanno ricevuto degli sputi. Nel frattempo le ambulanze si sono occupate dell’anziana ferita e l’uomo è stato condotto in caserma a Roncadelle. Tra l’altro il bosniaco è già noto alle forze dell’ordine e quando è stato chiuso nella camera di sicurezza è riuscito a rompere la serratura della cella. Per lui è scattato l’arresto per ubriachezza, lesioni personali e danneggiamento. Dopo avergli fatto passare la sbornia, l’uomo è stato liberato e giudicato con rito per direttissima con la convalida dell’arresto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.