Quantcast

Bassano, investito spostando l‘auto in panne

Ottavio Pini, 56enne di Pontevico, è la vittima dell'assurdo incidente avvenuto martedì notte. Stava spostando all'esterno la vettura guasta della figlia.

Più informazioni su

(red.) Si chiamava Ottavio Pini, 56enne residente a Pontevico, nel bresciano, la vittima del dramma stradale avvenuto nella notte tra martedì 31 ottobre e mercoledì 1 novembre a Bassano Bresciano. Gli agenti della polizia stradale di Montichiari hanno ricostruito nei dettagli quanto sarebbe avvenuto lungo la statale 45 bis dove è avvenuto l’incidente. In piena notte una 23enne alla guida di una Daewoo era rimasta in mezzo alla strada a causa di un guasto alla vettura che l’aveva fatta finire in panne. Quindi la giovane aveva chiamato il padre per farsi dare una mano.

La zona riguarda una strada di campagna dopo una rotonda che porta verso il centro di Bassano e poi a Pontevico dove l’uomo abitava. Il 56enne ha aiutato la figlia a spingere l’auto lungo il ciglio della strada per evitare che potesse essere colpita da altre vetture di passaggio e piazzando il triangolo di emergenza. Tuttavia, Ottavio che si trovava sul lato più verso la carreggiata è stato poi travolto da una Lancia Y che non avrebbe visto l’uomo. Alla guida c’era una 20enne, mentre il 56enne è stato sbalzato sul parabrezza e poi sull’asfalto perdendo la vita sul colpo.

La giovane conducente è stata subito sottoposta al test dell’alcol, poi risultato negativo, mentre i vigili del fuoco, i carabinieri e i soccorsi si sono occupati dei rilievi, del traffico e di rimuovere i mezzi incidentati. La Daewoo e la Lancia Y sono state sequestrate, mentre la salma della vittima è stata ricomposta all’obitorio dell’ospedale Civile di Brescia dove potrebbe essere eseguita l’autopsia. L’uomo, che lascia la moglie e due figlie, lavorava in fonderia ed era molto conosciuto in paese, anche per la sua passione per il mandolino. Ottavio già da giovane era rimasto coinvolto in un incidente in moto restando in coma per alcuni giorni, ma dal quale si era risvegliato senza riportare danni. Ora, invece, la tragedia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.