Quantcast

Brescia: falso allarme bomba, in manette 33enne

Un bresciano, in una mail, parlava di un ordigno in piazza Duomo. Era una bufala. Per lui anche un'indagine per apologia di terrorismo.

Più informazioni su

(red.) Sabato 7 ottobre gli agenti della Digos di Brescia hanno arrestato un 33enne bresciano, Z.N. le sue iniziali. L’uomo, aveva annunciato – attraverso una email, inviata nei giorni scorsi – la presenza di una bomba anarchica in Piazza Duomo, in città. Gli uomini della Digos, unitamente al personale di A2A, hanno effettuato un’accurata ispezione nei tombini posti nella piazza e nelle zone adiacenti, senza trovare nulla di sospetto.
Nel frattempo, personale della Polizia Postale ha verificato la provenienza dell’email, individuando l’intestatario. Gli agenti hanno effettuato una perquisizione presso la sua abitazione, cercando armi o esplodenti. Gli accertamenti hanno dato esito negativo; è stato, però, rinvenuto e sequestrato il Tablet da dove era stata inviata la mail.

L’uomo era già stato sottoposto all’obbligo di firma, poiché nei suoi confronti vi è un procedimento penale in corso, a causa di una serie di delitti di apologia di terrorismo commessi da un profilo facebook. Avrebbe pubblicato contenuti nei quali inneggiava ad azioni violente riferibili all’ideologia religiosa integralista praticata dall’Isis.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.