Bracconaggio, dieci denunciati. Anche un sindaco

I carabinieri hanno condotto un'attività di contrasto alla caccia illegale. Trovati uccelli uccisi e trappole. Nei guai il primo cittadino di Montirone.

(red.) Nei giorni precedenti a lunedì 9 ottobre dieci persone sono state denunciate dai carabinieri forestali all’autorità giudiziaria per bracconaggio. Nella stessa operazione sono anche stati sequestrati fucili e trappole tra sep, prodine, cappi, archetti, oltre a richiami acustici, avifauna morta e altra viva. Nei dettagli, i militari di Iseo ne hanno denunciati tre, trovando 35 trappole tra sep e tagliole, due fucili, un richiamo acustico elettromagnetico, 22 tordi abbattuti e 26 posseduti dal cacciatore in un congelatore e già pronti.

Quelli di Gavardo, invece, hanno denunciato altre cinque persone e sequestrato cinque richiami acustici elettromagnetici, tre fucili di cui uno con caricatore modificato, un frosone vivo protetto e un tordo bottaccio con le ali mutilate. Tra di loro c’era anche il sindaco di Montirone Francesco Lazzaroni. Infine, i carabinieri di Gardone hanno denunciato un uomo e sequestrato 44 trappole. I militari di Bagolino e Vestone hanno denunciato una persona con il sequestro di due fucili e sette trappole.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.