Quantcast

A21, camionista guida ubriaco e senza soste

54enne di un'azienda di Latina era a 0,8 grammi per litro e aveva manomesso il macchinario dei riposi con una calamita. Patente ritirata e pieno di accuse.

(red.) Era al volante del tir con un tasso alcolico di 0,8 grammi per litro (doveva essere a zero) e non faceva soste da diverse ore come prevede, invece, la legge. Tanto che per non far capire che stava guidando in barba alle regole, aveva modificato il cronotachigrafo del mezzo pesante posizionando una calamita.

Lo ha scoperto la polizia stradale di Montichiari durante un consueto controllo sull’autostrada A21, nella parte bassa della provincia bresciana. Nel momento in cui il conducente, un 54enne laziale e dipendente di un’azienda di Latina, è stato fatto accostare, i militari hanno capito le sue condizioni.

L’autista si è visto ritirare la patente e deve rispondere di una sfilza di accuse. Si va dalla guida in stato di ebbrezza alla rimozione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro, falsità in registri e notificazioni e attentato alla sicurezza dei trasporti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.