Quantcast

Provaglio Iseo, ignoti avvelenano piante di tigli

Due alberi hanno ricevuto lo stesso trattamento come avvenuto nel 2014 e 2016. Il liquido iniettato li fa seccare. E in Comune torna di nuovo l'allerta.

Più informazioni su

(red.) Alberi di Tigli che lentamente stanno iniziando a seccarsi lungo la strada provinciale che da Provaglio d’Iseo porta verso Iseo, nel bresciano. Ma stavolta non è la natura ad essere responsabile. Sembra che qualcuno, una o più persone, nei giorni precedenti a venerdì 1 settembre e senza farsi vedere, abbiano iniettato del liquido misterioso in due piante. Ne dà notizia Bresciaoggi.

E’ bastato praticare un foro, inserire la sostanza e poi chiudere il tutto con un tappo di legno per non destare sospetti. Poi si è atteso che il liquido facendo il suo corso attraverso la corteccia. Non è la prima volta che capita una situazione del genere contro il patrimonio ambientale di Provaglio.

Era già successo nel 2014 quando sei piante vennero colpite, poi altre nel 2016 e infine nell’agosto del 2017. Una situazione che sta allarmando il Comune, tanto da voler denunciare l’ennesimo episodio a carico di ignoti e trovare delle contromisure per fermare lo scempio. Intanto, le due piante colpite dovranno essere abbattute per forza di cose.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.