Parco Caleppe: preso pusher con due etti di fumo

Si tratta di un ragazzo gambiano di 24 anni. Aveva precedenti penali e il divieto di dimora nel comune di Brescia. Processato per direttissima, è finito in carcere.

(red.) Mercoledì 30 agosto, alle 23.30 circa, un equipaggio della Squadra Volante della Questura, in perlustrazione all’interno del parco “Caleppe”, di via Sardegna, a Brescia, ha individuato un uomo di colore, vestito con una T-shirt gialla, che, alla vista della Volante si è dato a precipitosa fuga, scavalcando la recinzione del parco.

Ovviamente i poliziotti lo hanno seguito e intercettato subito ma, al momento del controllo dei documenti, questi si è lanciato in una nuova fuga, durante la quale ha gettato a terra due involucri di cellophane trasparente, prima di essere raggiunto e bloccato di nuovo. Il migrante ha anche opposto resistenza cercando di divincolarsi dalla presa dei poliziotti, che sono stati costretti ad ammanettarlo. 

La perquisizione ha portato alla luce tre pezzi di hashish e 80 euro in banconote di piccolo taglio nascosti nelle tasche posteriore dei pantaloncini, presumibile provente dell’attività di spaccio. L’uomo, F.B., classe 1993, cittadino gambiano senza fissa dimora, ha dichiarato di essere senza lavoro e di vivere dei proventi dello spaccio.
La sostanza stupefacente che nascondeva negli abiti aveva un peso di circa 15 grammi, gli involucri gettati a terra nella fuga, invece, un peso di circa 2 etti.

Titolare di numerosi precedenti, per alcuni dei quali aveva già scontato la pena in carcere, F.B. è stato trattenuto nelle camere di sicurezza della Questura in attesa di giudizio direttissimo per il giorno seguente. Già sottoposto alla misura di divieto di dimora nel comune di Brescia, è finito in carcere.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.