Brescia, parco come base di spaccio, due arresti

La polizia locale ha bloccato due africani che vendevano ai clienti (anche minori) marijuana e hashish nascosti tra le aree verdi nel centro della città.

(red.) Nei giorni precedenti a giovedì 3 agosto gli agenti della polizia locale di Brescia hanno arrestato due giovani africani in città per spaccio di sostanze stupefacenti tra i parchi. Un 21enne del Mali e un 25enne del Gambia avevano trasformato le aree verdi tra via Sardegna, Privata de Vitalis, Caleppe e Nisida nella loro base di rifornimento verso i clienti.

Il via vai continuo di giorno e di notte aveva allarmato i residenti della zona che quindi hanno allertato la polizia municipale. I militari che si sono appostati nei pressi del parco hanno visto prima un italiano con un sacchetto da 3 grammi di hashish e dopo aver consegnato del denaro. Poi tre ragazzi, di cui due minorenni, con cinque dosi ancora di hashish nello zaino all’uscita dall’area verde.

Infine, sono stati beccati e arrestati i due africani senza fissa dimora che avevano nascosto l’uno 19 grammi di marijuana tra i rovi e l’altro aveva due barre di hashish da 34 grammi. Altri 43 grammi sono stati trovati nella zona del barbeque.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.