Quantcast

Incidente Malegno-Borno, perizia e primi indagati

Sotto inchiesta il pilota dell'auto che ha investito e ucciso Mauro Firmo e ferito Davide Foroni e membri dell'Aci. Vettura sequestrata, si valuta percorso.

(red.) La procura di Brescia, attraverso il magistrato Paolo Mandurino, è al lavoro nell’inchiesta aperta dopo il tragico incidente di sabato mattina 29 luglio a Ossimo, alla gara di rally Malegno-Borno, nel bresciano. Nel frattempo, lunedì 31 sul corpo del commissario di gara Mauro Firmo, 56enne di Carpenedolo investito e ucciso dall’uscita di strada di un’auto partecipante, è stato eseguito un esame esterno. Non ancora effettuata, invece, l’autopsia disposta dall’autorità giudiziaria sulla salma che è ricomposta ancora all’ospedale di Esine.

L’altro giudice di gara colpito, Davide Foroni 32enne di Verona, resta ricoverato all’ospedale Civile di Brescia, ma non è in pericolo di vita. L’inchiesta aperta dalla procura per possibile omicidio colposo e lesioni gravi ha portato a indagare Christian Furloni, conducente della Peugeot 106 che ha provocato l’incidente, oltre agli organizzatori della gara, cioè l’Aci di Brescia. Furloni, interpellato da Bresciaoggi, ha detto che secondo lui i due commissari di gara non si sarebbero dovuti trovare nel punto dell’incidente, alla prima prova del trofeo, perché la zona è pericolosa e in velocità. Anzi verso quel punto si sarebbero spostati da un’altra meta, ma la sua versione resta da chiarire.

Intanto, la vettura del pilota è stata sequestrata per verificare se ci fossero problemi tecnici e meccanici che hanno provocato l’uscita di strada. La procura ha anche affidato a un tecnico esterno una perizia sul percorso di gara. I magistrati, che stanno raccogliendo il materiale dai carabinieri, polizia stradale e locale intervenuti per primi sul posto, vogliono accertare se l’itinerario di corsa avesse tutte le misure di sicurezza, vie di fuga e gli elementi indispensabili per lo svolgimento della gara. Poi annullata a causa del dramma. Gli organizzatori stanno iniziando a smontare le attrezzature dal percorso, mentre è probabile che nella giornata di martedì 1 agosto la salma del giudice di gara Mauro Firmo venga restituita alla famiglia per il funerale ancora da fissare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.