Nuvolera, arrivano soccorsi, ma è falso allarme

Domenica, dalla mattina fino al primo pomeriggio, carabinieri, vigili del fuoco, soccorso alpino, ambulanza ed elicottero hanno cercato dopo presunte urla.

Più informazioni su

(red.) Domenica 23 luglio, per diverse ore dalla mattina fino al primo pomeriggio, vari mezzi di soccorso sono stati impegnati in un’operazione a Nuvolera, nel bresciano. E’ successo tutto intorno alle 9 nella frazione di Camprelle, al confine con Mazzano, quando qualcuno ha sentito delle urla, pare da una persona in difficoltà tra la collina e il bosco vicino.

Sul posto, allertati da alcuni cacciatori che nel frattempo erano scesi dalla collina con i loro cani, sono poi arrivati i carabinieri, i vigili del fuoco, un’ambulanza del paese e persino l’elicottero. Il velivolo ha sorvolato per diversi minuti la zona per capire chi avesse problemi, ma poi è atterrato per capire come la situazione si stava evolvendo.

Anche il soccorso alpino, chiamato a dare aiuto, ha provato con le ricerche fino alle 14,30, ma senza riuscire ad accertare cosa stava accadendo e chi chiedeva aiuto. Quindi dopo quell’ora i vari corpi di soccorso e delle forze armate sono rientrate alle loro basi chiudendo un’operazione che di fatto ha visto trattarsi di un falso allarme.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.