Monno, chi era la vittima della caduta in moto

Matteo Maccare, 31enne di Edolo, sabato notte era finito in una scarpata mentre scendeva i tornanti sp 81 dal Mortirolo per tornare a casa dopo una festa.

(red.) Si chiamava Matteo Maccare, 31enne bresciano di Edolo, l’uomo che ha perso la vita nella notte tra sabato 22 e domenica 23 luglio in un incidente stradale lungo i monti della Valcamonica. Il giovane aveva appena partecipato a una festa sul Mortirolo e alla guida della sua motocross stava scendendo attraverso i tornanti sulla provinciale 81 e che conosceva molto bene. A un certo punto, nei pressi di Monno, ha proseguito dritto invece di affrontare l’ennesima curva e nonostante il tentativo di frenata è letteralmente volato in una scarpata.

A scoprire i risultati del grave incidente, solo domenica 23 mattina, è stato un escursionista nel momento in cui ha notato la traccia della frenata e fuori dalla strada alcuni pezzi della due ruote. Poi, quando erano circa le 10, ha allertato il 112, numero unico di emergenza, facendo intervenire sul posto un’ambulanza, i carabinieri di Breno e Vezza d’Oglio, i vigili del fuoco e il soccorso alpino lombardo. Quest’ultimo gruppo ha impiegato non poco tempo per trovare la motocross nella scarpata e a circa 300 metri di distanza il corpo del 31enne.

Il giovane, poi recuperato e accertato il decesso, è stato caricato su una barella e trasportato con l’elicottero proveniente da Sondrio verso l’ospedale di Edolo dove la salma è stata ricomposta. E’ a disposizione dell’autorità giudiziaria che farà svolgere tutti gli accertamenti medico legali per capire come sia morto Matteo.

In particolare, se sia deceduto a causa del volo con la moto nella scarpata, oppure se abbia perso la vita nel tentativo di risalire verso la strada. I rilievi dell’incidente sono in corso da parte dei carabinieri, mentre il dato certo è una nuova vita spezzata sulle strade della provincia di Brescia e che il 31enne conosceva molto bene.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.