Quantcast

Sisma in Grecia, testimonianze dei bresciani

In vacanza sull'isola di Kos c'è anche un'ampia fetta di nostri conterranei. Giovedì sera, con il 6.7 e lo tsunami, molti hanno deciso di dormire fuori.

Più informazioni su

(red.) La violenta scossa di terremoto, di magnitudo 6.7, che nella serata di giovedì 20 luglio ha sconquassato il confine tra l’isola di Kos in Grecia e la Turchia, ha destato panico anche tra i bresciani che si trovavano in vacanza proprio sul mar Egeo. E’ un periodo in cui la Grecia, come da tradizione, diventa il punto di riferimento turistico per centinaia di migliaia di persone da tutta l’Europa e non solo. E la stessa cosa riguarda un’ampia fetta di bresciani che intendevano godersi giorni di relax e divertimento.

Tra loro, in vacanza sull’isola di Kos c’erano anche l’assessore all’Istruzione di Chiari Emanuele Arrighetti con un amico e un’altra persona di Travagliato. Il loro racconto è ancora pieno di emozione e paura per quanto successo, visto che il terremoto ha ucciso due persone, ha provocato 500 feriti e anche un piccolo tsunami. L’assessore ha rivelato che la sera del terremoto si trovava con l’amico in un bar sulla spiaggia e nel momento in cui è arrivata la scossa ha avuto apprensione. Ha anche visto altri turisti che soffrivano di mal di testa e giramenti proprio per quella situazione di malessere.

Per questo motivo quella sera, così come venerdì notte, l’assessore e l’amico hanno deciso di dormire all’aperto sugli sdrai al fianco di una piscina. Preoccupati anche quelli che sono stati costretti ad uscire dagli hotel in preda al panico e considerando anche che la sera c’è una forte escursione termica, con il clima più freddo. L’altro turista di Travagliato ha raccontato di aver visitato l’isola proprio poche ore prima della scossa e di essersi informato attraverso il cellulare per capire cosa fosse accaduto. Di certo, quindi, tanta paura e apprensione anche tra i bresciani, ricordando soprattutto quanto successo nel centro Italia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.