Quantcast

Incendio Montichiari, milioni di euro di danni

Mercoledì mattina partirà la conta ufficiale e si avvieranno le indagini sulla causa dell'imponente rogo che ha impegnato i vigili del fuoco per dodici ore.

(red.) E’ durato ben più di dodici ore l’intervento di diverse squadre dei vigili del fuoco che da mezzogiorno di martedì 4 aprile sono stati impegnati a spegnere le fiamme allo stabilimento della famiglia di Angelo Scaroni a Novagli di Montichiari, nel bresciano. L’incendio di via Indipendenza si è sviluppato nel momento in cui i lavoratori e il personale erano in pausa pranzo, quindi la fabbrica era vuota in quel momento e non si è registrato alcun ferito. Si tratta di un’azienda che da trent’anni produce e vende pallet. Proprio intorno a mezzogiorno è stata la moglie del titolare per prima ad avvertire un forte odore acre provenire dallo stabilimento.

Subito dopo ha avvisato il marito e poi chiesto l’intervento dei vigili del fuoco. E’ stato un incendio imponente quello divampato dal piazzale davanti alla fabbrica, dove si trova la legnaia dell’azienda. Tanto che, alimentata dal caldo anomalo e dal vento, si è sviluppata una densa colonna di fumo visibile anche a chilometri di distanza. Per questo motivo anche la tangenziale Goitese è rimasta chiusa per diverse ore. Sono state molte le squadre dei mezzi antincendio giunte sul posto, dal mantovano e da tutta la provincia di Brescia per un vasto schieramento di cinquanta uomini. Prima del loro arrivo, anche i vicini di casa, alcuni agricoltori e i dipendenti avevano dato una mano.

L’intervento successivo ha poi permesso di circoscrivere le fiamme fino allo spegnimento e alla bonifica, andati avanti fino alla notte. Ma solo mercoledì mattina ci sarà la conta ufficiale dei danni che saranno di milioni di euro. Sono bruciati 5 mila metri quadri di pallet, altri 1.500 di tetto ed è crollata la struttura metallica esterna sopra i bancali. Inceneriti anche i macchinari interni. Sul posto sono intervenuti anche i tecnici dell’Arpa che hanno usato un campionatore per verificare un eventuale caso di inquinamento dell’aria per il rogo. Ora i vigili del fuoco con le forze dell’ordine avvieranno le indagini per capire le cause dell’incendio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.