Quantcast

Brescia, 21enne accoltellato fuori dalla discoteca

Yaisy Bonilla, colombiano, è morto domenica pomeriggio alla Poliambulanza dopo un intervento chirurgico all'addome. L'aggressore risulta ancora ricercato.

(red.) Accoltellato all’esterno della discoteca “Disco Volante” in via Corsica e morto diverse ore dopo alla Poliambulanza di Brescia dopo un delicato intervento chirurgico. E’ la cronaca di quanto successo all’alba di domenica 2 aprile in città. A perdere la vita è stato Yaisy Bonilla, 21enne colombiano e in Italia da nove anni. Secondo la ricostruzione eseguita dagli agenti della Squadra Mobile di Brescia intervenuti sul posto dopo l’allerta al 112, intorno alle 6, il dramma si è consumato dopo una lite che ha coinvolto proprio il giovane. A raccontare la versione dei fatti, almeno dal suo punto di vista, è stata Andrea, 27enne rumena e fidanzata del sudamericano.

Ha detto di aver trascorso l’intera serata di sabato con il ragazzo in casa, con cui convive, in via Corsica e poi di essere usciti per una passeggiata nei pressi del locale, dove si trova il centro commerciale Flaminia. I due non sarebbero entrati nella discoteca, anche perché si tratta di un circolo privato cui bisogna registrarsi. E durante la serata non c’era molta gente, ma la musica si sentiva. Intorno alle 6, quando il locale stava ormai per chiudere, sembra che il 21enne si fosse intrattenuto con un ragazzo. Ma poi un amico di quest’ultimo si sarebbe messo di mezzo, forse facendo qualche apprezzamento di troppo nei confronti della ragazza. A quel punto Yaisy avrebbe spintonato il contendente chiedendogli di andare via.

Ma questo, subito dopo, ha poi accoltellato il sudamericano con un fendente all’addome. Così è scattata la chiamata al numero unico di emergenza con cui sul posto sono arrivate le ambulanze che hanno condotto il giovane ferito in condizioni critiche alla Poliambulanza di Brescia. Qui è stato sottoposto a un delicato intervento ed è rimasto ricoverato nel reparto di terapia intensiva mentre la fidanzata attendeva notizie confortanti. Ma prima delle 17,30 di domenica le è stato comunicato il decesso ed è scoppiata in lacrime. Nello sconforto sono finiti anche il fratello minore della vittima, di 13 anni e il padre che avevano raggiunto l’ospedale dopo la notizia.

Nel frattempo l’aggressore era riuscito a scappare ed è attualmente ricercato, mentre le forze dell’ordine stanno analizzando le immagini riprese dalle telecamere esterne al locale. Sembra che si tratti di un giovane di carnagione chiara, forse drogato al momento dell’aggressione. Il 21enne colombiano aveva precedenti giudiziari, ma la fidanzata ha rivelato come non sarebbe stato un regolamento di conti, magari legato alla droga. La Squadra Mobile sarebbe vicina a identificare chi lo ha ferito a morte.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.