Quantcast

Desenzano, rapine, furti e picchia anziana. Arrestato

Un 34enne italiano tossicodipendente è finito dietro le sbarre. Ha picchiato e rapinato una signora e commesso blitz in forneria e pasticceria. E' in carcere.

(red.) Spesso sotto l’effetto di sostanze stupefacenti compiva rapine e violenze per ottenere altro denaro con cui comprare nuova droga. Non a caso era già finito più volte nel mirino della giustizia per reati contro il patrimonio, la persona e proprio per droga. Il protagonista in negativo è un 34enne italiano tossicodipendente e residente a Desenzano del Garda, nel bresciano. La sua attività criminale è partita il 27 febbraio quando, in un bar, ha inquadrato una signora di 87 anni mentre faceva colazione. L’ha poi inseguita fino a casa e infine l’ha minacciata intimandole di consegnarli soldi e gioielli. Ma l’anziana si è opposta e l’uomo l’ha aggredita, tanto da romperle il naso. Poi è fuggito portando via qualche gioiello e alcune banconote.

Il secondo raid l’ha messo in atto prima dell’alba del 18 marzo quando, intorno alle 4, è entrato armato di coltello in una forneria di Rivoltella e minacciando il titolare al lavoro. Ed è riuscito a prendere un centinaio di euro dal registro di cassa. Infine, sempre di notte, ha compiuto un blitz in una pasticceria a Calcinato da dove ha sradicato la cassa. Tre episodi nell’arco di un mese che hanno spinto gli agenti del commissariato di polizia a indagare per identificare e bloccare l’uomo. Tra l’altro l’attività investigativa è partita proprio sulla base delle testimonianze dell’anziana aggredita e del fornaio.

Poi i militari hanno raccolto altri elementi attraverso i racconti dei testimoni e valutando le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza nelle zone dei colpi. Ed è stato scoperto che al 34enne erano imputabili altri furti avvenuti in queste settimane, più altri ancora da valutare. Così il sostituto procuratore di Brescia Francesco Carlo Milanesi ha ottenuto dal giudice delle indagini preliminari l’ordinanza di custodia cautelare per portare in carcere l’uomo. Le manette per il 34enne sono scattate da parte della polizia mentre rientrava a casa. Ora è a Canton Mombello.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.