Fumo in carrozza, disagi sul treno Brescia-Milano

Mercoledì per un guasto alcuni passeggeri sono rimasti avvolti in una nube dopo la ripartenza da Chiari. Così hanno raggiunto il convoglio più vicino.

(red.) Mercoledì mattina 22 marzo si è rischiato il dramma su uno dei primi treni della giornata in partenza da Brescia e in direzione di Milano. Si è trattato del convoglio regionale partito alle 6,56 dal capoluogo all’ombra della Loggia. I primi passeggeri sono saliti proprio alla stazione di partenza, poi altri sono arrivati a bordo nelle stazioni successive di Rovato e Chiari, subito dopo le 7. Ma alla ripartenza dalla terza stazione si sono vissuti attimi di panico sull’ultima carrozza nel momento in cui, dopo una frenata, si è formata una densa nube di fumo tra i passeggeri.

Il treno si è poi fermato alla stazione di Melzo-Vignate per capire cosa fosse successo. Nel frattempo i passeggeri a bordo della carrozza avvolta nel fumo hanno cercato inutilmente, anche a causa della vecchiaia del mezzo, di abbassare i finestrini. A quel punto si sono diretti verso il convoglio più vicino. Poi il capotreno ha verificato la situazione ed è ripartito alla volta di Milano. Di fatto si è trattato di un problema tecnico. Ma per fortuna nessuno dei pendolari ha dovuto ricorrere ai soccorsi. Solo qualche disturbo alle vie respiratorie, ma nessuna sindrome da intossicazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.