Quantcast

Da Brescia a Cremona: furto di pannelli solari

Tre marocchini camuni sono stati arrestati a Gambara dopo aver depredato un sistema fotovoltaico da un campo. Fermati dai carabinieri e finiti in manette.

(red.) Nei giorni precedenti a martedì 21 marzo tre cittadini marocchini residenti in Valcamonica, nel bresciano, sono stati arrestati al confine tra Gambara e la provincia di Cremona per aver rubato pannelli fotovoltaici. I tre malviventi avevano raggiunto un campo a Pescarolo, nel cremonese, smontando e portando via quattro pannelli solari del valore totale di 20 mila euro. Poi li avevano caricati sulla propria auto, una Fiat Marea, in direzione del bresciano.

Ma hanno dovuto fare i conti con il fatto che, agganciato all’impianto appena depredato, c’era un sistema di allarme collegato con la centrale dei carabinieri. Una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile si è mossa notando che l’auto sulla quale si muovevano i tre nordafricani arrancava nella corsa. Così l’hanno fermata scoprendo il prezioso contenuto del bagagliaio. Per i tre sono scattate le manette e lunedì 20 la convalida dell’arresto, ma ai domiciliari in attesa del processo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.