Caino, cani e gatti morti avvelenati: è allarme

Sui social network aumentano le segnalazioni dei residenti per felini e cani trovati uccisi da bocconi o, persino, dal liquido anitigelo sparso da qualcuno.

Più informazioni su

(red.) Nel Bresciano si segnalano nuovi casi di animali avvelenati da bocconi o altro genere di prodotti intossicanti. E a finire nel mirino sono stati diversi cani e gatti. Gli ultimi episodi, di cui scrive il Giornale di Brescia, arrivano da Caino, al confine tra la Valtrompia e la città. Sono tutti riportati in vari allarmi lanciati dai residenti attraverso i social network come spesso capita in queste situazioni.

Per esempio, una bambina, figlia del proprietario, ha trovato il gatto morto nel giardino di casa. Oppure, una residente ha portato i propri felini dal veterinario per farli controllare. Uno di questi era deceduto perché aveva assunto liquido antigelo leccandosi il pelo bagnato da qualche sconosciuto. E dal pese si continua a parlare di troppi animali avvelenati e di bocconi trovati in alcune zone.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.