Anziana truffata da assicuratore su polizza

Una donna aveva ricevuto in eredità 200 mila euro dalla sorella defunta e aveva deciso di avviare una pratica dando i soldi al professionista. Poi sparito.

Più informazioni su

(red.) Un’anziana signora residente a Chiari, nel bresciano, è stata vittima di un raggiro da parte del proprio assicuratore. Lo scrive il quotidiano online BresciaToday.it riportando la notizia pubblicata da Chiari Week. La vicenda è partita nell’estate del 2014 quando la sorella della donna è morta, lasciando in eredità alla parente il premio di un’assicurazione sulla vita da 200 mila euro. Ma la stessa anziana, che in quel periodo non aveva alcun bisogno particolare, ha deciso di fare riferimento al proprio assicuratore di fiducia consegnandogli l’intero importo per avviare una nuova polizza a favore di una ventina di enti caritatevoli.

Soldi che la donna ha consegnato al professionista alla fine del 2015, ma senza mai firmare il contratto di assicurazione. I problemi arrivano alla fine del 2016, un anno dopo, quando l’anziana ha cercato di contattare l’assicuratore per avere informazioni sull’andamento della polizza. Peccato che non sia mai riuscita a chiamarlo al cellulare perché spento, oltre a essere irreperibile nello studio e in casa. All’anziana non è rimasto altro da fare che denunciare il raggiro ai carabinieri.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.