Lago Iseo, velocità e sorpassi, via 14 patenti

Titoli di guida ritirati dai carabinieri domenica mattina in sole due ore sulla provinciale 510. Altre cinque "bruciate" nella notte per troppo alcol.

(red.) E’ stato un vero e proprio giro di vite quello messo in campo nel fine settimana, tra sabato 18 e domenica 19 febbraio, sulla sponda bresciana del lago d’Iseo e contro ubriachi o pericolosi al volante. Le prime operazioni, sabato notte, sono state condotte dalle pattuglie della polizia stradale di Boario, Iseo e Desenzano per fermare chi si fosse messo alla guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti o avesse alzato troppo il gomito. Per contrastare, insomma, le cosiddette stragi del sabato sera che spesso coinvolgono la provincia di Brescia per i numerosi incidenti.

Il risultato finale è stato di cinque patenti ritirate e in tutti i casi perché i conducenti, uomini, sono stati beccati in stato di ebbrezza. Durante l’attività notturna delle forze dell’ordine sono anche stati tolti 62 punti dalle patenti. Ma l’operazione più massiccia in termini di conseguenze è stata compiuta domenica mattina dai carabinieri. Si sono appostati tra Marone e Sulzano, lungo la provinciale 510, per fermare chi fosse abituato a premere troppo l’acceleratore. Una richiesta arrivata anche dagli stessi automobilisti che spesso notano i loro “colleghi” muoversi a folle velocità e compiere sorpassi azzardati e pericolosi.

I controlli sono andati a segno, visto che in due ore sono state ritirate 14 patenti. Ai militari è stato sufficiente piazzare una vettura davanti per controllare la velocità dei veicoli in transito e un altro mezzo a poche centinaia di metri per fermare gli stessi mezzi. Così quattordici persone che avevano superato i limiti o sono stati sorpresi a sorpassare in punti pericolosi, anche in galleria, si sono visti togliere il titolo di guida, oltre a sanzioni totali per 3 mila euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.