Quantcast

Aggressione Ghedi, banda già in azione nella Bassa

Altri due tentativi di furto sventati a Manerbio dai carabinieri di Leno. In un caso con un'auto speronata. L'assessore lombardo Beccalossi dal prefetto.

(red.) I carabinieri della compagnia di Verolanuova, che stanno indagando sulla tentata rapina in villa con aggressione a Ghedi, nel bresciano, seguono una pista particolare. Cioé la banda di tre stranieri che ha colpito il padrone di casa Giancarlo Scalvini e il figlio Francesco, ora in coma, potrebbe essere la stessa che ha già compiuto altri furti o tentati nella bassa bresciana. Nel frattempo, la sezione investigazioni scientifiche ha raccolto alcune impronte all’interno della villa e le ha inserite nel database.

Quindi, identificare i malviventi potrebbe essere questione di poco tempo. Mentre è stato predisposto un piano per controllare frontiere, aeroporti e ogni zona per evitare che la banda possa scappare dall’Italia. A proposito dei precedenti, nei giorni vicini all’aggressione altri criminali avevano cercato di rubare in due case a Manerbio, tanto che in una delle abitazioni c’erano persino due bambini. In entrambi i casi i malviventi erano riusciti a fuggire in auto dopo l’arrivo dei carabinieri e in una circostanza avevano persino speronato una vettura dei militari.

Si continua a cercare la Bmw chiara con cui i ladri sono scappati dall’aggressione di Ghedi in attesa di dare buone notizie, dal punto di vista delle indagini, al sostituto procuratore Mauro Leo Tenaglia. Intanto, giovedì l’assessore lombardo al Territorio e Urbanistica Viviana Beccalossi ha incontrato il prefetto di Brescia Valerio Valenti per chiedere un potenziamento dell’organico delle forze dell’ordine. Sottolineando come, “se nel 2016 il numero generale di reati è calato del 15,8% rispetto al 2015, quello dei furti negli appartamenti e ville è aumentato. A Ghedi addirittura del 30%”. Venerdì sera alle 20,30 il comitato “Brescia ai bresciani” guiderà un corteo da piazza Roma verso via Petrarca, dove si trova la villa finita nella cronaca, per chiedere più sicurezza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.