Quantcast

Insultano pakistani, daspo per 4 ultras Brescia

Cinque anni per tre e due anni per uno di loro, incensurato. Tutti della curva nord. A dicembre avevano rivolto cori offensivi e saluto nazista a corteo.

(red.) Divieto di accesso a ogni tipo di manifestazione sportiva in Italia. E’ il contenuto del provvedimento emesso dal questore di Brescia Vincenzo Ciarambino a carico di quattro ultras della “Curva nord Brescia”, dai 29 ai 39 anni. Il divieto durerà cinque anni per tre di loro, obbligati a presentarsi alla caserma di polizia. Il quarto, invece, un incensurato, dovrà scontarlo per due anni.

La punizione per i quattro è scattata dopo quanto successo l’11 dicembre durante una manifestazione religiosa in città. Nel corso di un corteo formato da 5 mila pakistani, i quattro ultras erano usciti da un bar e avevano espresso cori di discriminazione, gesti offensivi e con tanto di saluto nazista. Sul campo erano intervenuti gli agenti della Digos di Brescia per evitare reazioni da parte di qualche componente del corteo e che avrebbe potuto innescare una rissa.

Nella nota del questore si fa riferimento alle “misure urgenti per la prevenzione e la repressione di fenomeni di violenza connessi a competizioni calcistiche, ma applicabile anche a comportamenti estranei alle manifestazioni sportive e che ledano l’ordine e la sicurezza pubblica”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.