Quantcast

Incidente a Gardaland, bambina soccorsa

La piccola di 6 anni era con la madre sulle tazze rotanti lunedì di Santo Stefano. Ma è caduta all'esterno. Prognosi riservata a Verona. Due indagini aperte.

Più informazioni su

(red.) Lunedì 26 dicembre, festa di Santo Stefano, molti turisti, bresciani e non, hanno colto l’occasione, sfruttando anche la bella giornata, per fare una gita al parco divertimenti di Gardaland. Ma da qui è arrivato anche un fatto di cronaca per una bambina di 6 anni. La piccola, accompagnata dalla madre, era salita sulla giostra delle tazze rotanti e sarebbe stato l’ultimo giro per la famiglia che poi avrebbe lasciato il parco poco prima della chiusura.

Ma la forza centrifuga dell’attrazione ha letteralmente “sparato” la bambina all’esterno di una delle tazze. Di fronte alle urla della madre, la piccola è stata soccorsa prima dai medici del parco e poi dalle ambulanze che l’hanno condotta all’ospedale Borgo Trento di Verona. Residente in provincia di Verona, è in prognosi riservata.

Subito dopo l’episodio, i carabinieri di Peschiera sono stati allertati per verificare le condizioni della struttura. E’ poi emerso che l’attrazione non presentava alcun problema. In ogni caso la procura di Verona ha aperto un’indagine, così come Gardaland ha avviato un’inchiesta interna per ricostruire nei dettagli quanto accaduto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.