Quantcast

Rezzato, ex assessore derubato tre volte

Sabato 3 dicembre i ladri sono entrati nella villetta di Giorgio Arici che era stato competente alla Sicurezza e Urbanistica. Terzo episodio in due anni.

Più informazioni su

(red.) L’ex assessore alla Sicurezza e Urbanistica di Rezzato, nel bresciano, Giorgio Arici, si è visto entrare in casa i ladri per la terza volta in due anni. L’ultimo episodio, che ha raccontato e denunciato ai carabinieri nei giorni successivi e di cui dà notizia il Giornale di Brescia, si è verificato sabato pomeriggio 3 dicembre. Una banda di malviventi, tutti bresciani, ha raggiunto la villetta di via Dante Alighieri dove Arici vive con la madre. Dopo aver forzato una porta finestra, i ladri si sono introdotti rubando ciò che era disponibile.

L’azione l’hanno messa a segno nonostante fosse scattato l’allarme inserito dopo le due rapine subite in altre occasioni. I ladri stavano poi raggiungendo un altro appartamento, ma sono stati costretti a fuggire nel momento in cui alcuni residenti hanno iniziato a urlare vedendo le loro gesta. Così la coppia di furfanti ha poi raggiunto le retrovie della casa per salire sull’auto guidata dal complice e hanno fatto perdere le proprie tracce.

L’ex assessore ha rivelato che la sua casa era già stata “visitata” dai ladri la prima volta nel dicembre del 2014 quando una banda era riuscita a portare via solo pochi oggetti. Di tenore più alto, invece, il furto commesso nel novembre 2015 quando i malviventi sono riusciti a sradicare la cassaforte portando via denaro e oggetti di valore. E dopo il terzo episodio ormai Arici è sconsolato. “Qui non c’è più niente da rubare”. I carabinieri stanno indagando per capire se a colpire nei tre episodi sia stata la stessa banda.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.