Bovezzo, finto tecnico Enel ruba in casa anziani

Venerdì l'addetto con falsa divisa e cartellino ha chiesto di andare in bagno, invece ha depredato gioielli e monili d'oro. I padroni se ne sono accorti dopo.

Più informazioni su

(red.) Le truffe sono all’ordine del giorno in provincia di Brescia. L’ultima si è verificata venerdì 18 novembre a Bovezzo, quando un finto incaricato dell’Enel si è presentato alla porta di casa di una coppia di anziani. Traditi dal fatto che l’addetto indossasse una divisa e portasse un cartellino. Insomma, immaginavano che fosse un tecnico serio chiamato a svolgere dei controlli per conto della società elettrica.

Invece, non era nulla di tutto questo. L’uomo, infatti, nel momento in cui è riuscito a farsi aprire e ad entrare nell’abitazione, ha chiesto di andare in bagno. Sfruttando il momento di disattenzione dei padroni di casa, ne ha invece approfittato per rovistare in armadi e cassetti portando via un sacchetto pieno di gioielli e monili d’oro. Poi si è congedato con i due anziani ed è fuggito.

Subito dopo i padroni di casa, forse in un momento di sospetto, ma ormai tardivo, hanno voluto controllare e così hanno notato il furto. Non hanno potuto fare altro che denunciare l’episodio ai carabinieri di Nave, mentre quelli della compagnia di Gardone Valtrompia indagano. Come su molti altri episodi simili verificati in zona in passato.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.