Cevo, funerali di Luigina morta asfissiata in casa

Martedì alle 15 l'ultimo saluto alla 90enne che venerdì 4 novembre ha perso la vita nel fumo e incendio divampato nella sua abitazione di via Guido Rossa.

Più informazioni su

(red.) Saranno celebrati martedì pomeriggio 15 novembre, alle 15, nella chiesa parrocchiale di Cevo, nel bresciano, i funerali di Luigina Grignani. La donna di 90 anni era morta nella sua casa di via Guido Rossa nel paese camuno, dopo essere rimasta soffocata per un malfunzionamento alla stufa a legna. Il dramma si era consumato nella sua abitazione nel primo pomeriggio di venerdì 4 novembre quando l’anziana era sola.

La badante che l’assisteva, infatti, era fuori per fare alcune spese. Il fumo partito dalla stufa aveva inondato la casa raggiungendo anche la veranda dove Luigina stava riposando sulla poltrona. Non ha fatto in tempo a capacitarsi di quanto stava accadendo ed è rimasta soffocata. Inutile si era rivelato ogni tentativo dei soccorsi di strapparla alla morte dalla casa dove era anche divampato un incendio per problemi alla canna fumaria.

A una settimana di distanza dal decesso, lunedì 14 novembre si è svolta l’autopsia sul corpo della donna all’obitorio dell’ospedale di Edolo. Il risultato ha confermato la morte per asfissia. Il feretro è stato trasferito alla chiesa di Cevo dove è stata allestita la camera ardente e in vista dei funerali del pomeriggio. La donna lascia tre figli, di cui due residenti nel milanese, terra di origine dell’anziana e uno a Cevo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.