Due interventi del soccorso alpino in valle

Lunedì sera un uomo è scivolato durante la fiaccolata di San Fermo a Borno. Martedì un alpinista è stato colpito alla testa da un grosso sasso in montagna.

Più informazioni su

(red.) Due interventi in poche ore hanno impegnato i tecnici della stazione di Breno del Soccorso alpino nel bresciano. Il primo si è verificato lunedì sera 8 agosto quando un uomo, partecipante alla fiaccolata di San Fermo a Borno, è scivolato mentre percorreva il tragitto. Si è fratturato una caviglia e i soccorritori lo hanno stabilizzato sulla barella e poi trasportato per circa 200 metri fino alla strada. Quindi, con il defender del Soccorso alpino è stato condotto all’ambulanza e poi portato in ospedale. L’altro intervento si è svolto a mezzogiorno di martedì quando la centrale operativa è stata allertata per un alpinista di Breno che era rimasto ferito arrampicandosi con un amico in una falesia a Cimbergo.
Mentre il primo della cordata procedeva, si è staccato un appiglio e un sasso di 7 chili ha colpito il secondo sulla testa. L’uomo indossava il casco di protezione che ha attutito il colpo, ma ha comunque riportato un trauma cranico per il quale ha chiesto soccorso. Sul posto sono arrivati due tecnici della V Delegazione Bresciana del Cnsas Lombardo con l’automedica. Un’altra squadra è partita dal centro di Esine per dare supporto. Presente anche l’elicottero che ha trasferito il malcapitato in ospedale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.