Quantcast

Sebino, terzo giorno di ricerche per Garatti

Senza esiti la seconda giornata tra i canneti del lago d'Iseo, Costa Volpino, Pisogne e sul fiume Oglio. Decine di soccorritori impegnati sul territorio.

Più informazioni su

(red.) Si sono concluse senza risultati martedì 31 maggio le ricerche nella seconda giornata per trovare Fabrizio Garatti, artigiano 44enne residente a Gratacasolo di Pisogne, nel bresciano, scomparso da giovedì sera 26 maggio. Le uniche tracce riguardano la sua auto recuperata davanti ai portici di Costa Volpino, in provincia di Bergamo, paese originario dell’uomo. All’interno della vettura, sequestrata dai carabinieri di Clusone, sono stati trovati il cellulare e il portafogli. Le forze dell’ordine non escludono alcuna pista, ma la sensazione è che l’uomo possa essersi fermato, forse dopo aver visto una persona che conosceva e sarebbe sceso con l’intento di tornare all’auto. Ma così non è stato. La denuncia era stata presentata dalla compagna, facendo partire le ricerche lunedì.
La moglie era stato con lui fino a cena giovedì, poi l’uomo aveva passato la serata con gli amici al bar. La vettura era poi stata trovata sabato. Diversi volontari e tecnici di soccorso hanno controllato i canneti a nord del lago d’Iseo, nella zona tra Costa Volpino e Pisogne e intorno al fiume Oglio, ma senza trovare alcuna traccia. I militari stanno verificando anche le immagini riprese dalle telecamere di sicurezza ai portici di Costa Volpino, mentre non si esclude che l’uomo sia con qualcuno. Garatti in passato ha avuto problemi legati allo spaccio e consumo di sostanze stupefacenti. Era stato in carcere per un anno dopo che i militari lo avevano trovato con 40 chili di marijuana in auto. Da quell’azione i carabinieri di Breno e Clusone avevano poi identificato un’organizzazione tra la Valcamonica e il Sebino.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.