Dramma a Corzano, muore sul trattore

Paolo Copeta, 80 anni, giovedì 31 stava rientrando dopo una giornata tra i campi. E' stato colpito da un malore fatale che lo ha fatto schiantare.

Più informazioni su

Trattore(red.) Si chiamava Paolo Copeta la vittima del malore e del conseguente incidente di giovedì 31 marzo a Corzano, nel bresciano. L’uomo, di 80 anni, ma ancora attivo nel lavoro come coltivatore diretto, pochi minuti prima delle 17 stava tornando a casa dopo una giornata nei campi. L’aveva trascorsa come sempre a bordo del suo trattore con il quale, agganciato come rimorchio, aveva cosparso il suo terreno di concime. Nel momento in cui stava per rientrare, una volta giunto in via Giuseppe Garibaldi lungo la strada, è successo il dramma. Nell’arco di pochi secondi lo ha colpito un malore, lasciando senza guida il mezzo agricolo che procedeva imperterrito senza che nessuno potesse fermarlo. La sua corsa è terminata solo alcuni metri più in là, sbattendo contro due auto parcheggiate nel piazzale della vicina scuola materna e dove era finito dopo aver perso il controllo e uscendo dalla carreggiata.
Chi passava dal posto in quei frangenti e ha notato quanto stava accadendo ha subito allertato i soccorsi. Sul posto è arrivata l’automedica, seguita da un’ambulanza di Trenzano e dai vigili del fuoco di Verolanuova. I rilievi sono stati eseguiti dai carabinieri accorsi sul luogo. Ma nel momento in cui i volontari hanno raggiunto l’80enne per rianimarlo, tutti i tentativi sono andati a vuoto. L’uomo era morto sul colpo e forse non si sarebbe neanche reso conto di quanto gli stesse succedendo. Subito dopo il dramma, la salma di Copeta è stata trasferita nella sua casa di Corzano dove è stata allestita la camera ardente. L’anziano lascia la moglie e quattro figli, mentre i suoi funerali si terranno sabato 2 aprile alle 17 nella chiesa parrocchiale di San Martino. All’ultimo saluto è attesa tutta la comunità che conosceva molto bene l’80enne.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.