Quantcast

Polizia sgomina gang di ladri albanesi

Dopo quasi un anno di indagini sono stati arrestati quattro immigrati, colpevoli di 23 furti nel Bresciano. Due ancora da ricercare.

Più informazioni su

 

scasso(red.) La squadra mobile della questura di Brescia ha chiuso i conti con una banda di albanesi specializzata in furti in abitazioni. Gli agenti hanno sgominato una gang colpevole almeno di 23 colpi, messi a segno nei comuni di Azzano Mella, Capriano del Colle, Castelmella, Roncadelle, Brescia, Cellatica, Nave, Rodengo Saiano, Gussago e Concesio. In manette, nei giorni scorsi, sono finiti P.E. 28 anni, T.K., 28 anni, Z. G., 30 anni e K.G., pure 30ene. Risultano ancora da ricercare G.B., 27 anni, e N.D., 32 anni.
Le indagini sono iniziate a ottobre dello scorso anno, quando la polizia nel corso di un controllo ha indagato, in stato di libertà per i reati di ricettazione, furto aggravato e possesso di arnesi atti allo scasso, in concorso con altre persone non meglio identificate, un cittadino albanese, N. D. L’attività di indagine, nei giorni successivi, ha portato all’arresto in flagranza di reato per furto aggravato continuato in abitazione, ricettazione, furto aggravato e possesso di arnesi atti allo scasso, in concorso tra di loro, i cittadini albanesi P.E., T. K. e Z. G.. Dagli sviluppi investigativi, svolti esclusivamente con metodi tradizionali, sono stati raccolti ulteriori elementi di responsabilità a carico di un gruppo di immigrati albanesi, i quali utilizzando autoveicoli rubati per portarsi nei luoghi individuati da depredare, consumavano furti in abitazione nelle ore serali (dalle ore 19.00 alle ore 21.00), utilizzando anche idonei arnesi per tagliare casseforti, per poi rientrare nelle loro rispettive dimore.
L’attività di polizia ha permesso restituire gran parte della refurtiva ai legittimi proprietari (vi sono ancora da riconoscere e restituire alcuni monili in oro ed orologi).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.