Quantcast

Parma calcio, arrestato Giampietro Manenti

In manette il patron della società sportiva emiliana per "reimpiego di capitali illeciti". Altre 21 persone indagate nell'inchiesta della Gdf di Roma.

Più informazioni su

manenti(red.) Arrestato per “reimpiego di capitali illeciti” il patron del Parma Calcio, il bresciano Giampietro Manenti. Con lui sono finite in manette altre 21 persone.
L’operazione è stata svolta dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma e tra i reati contestati ci sono peculato e autoriciclaggio con l’aggravante del metodo mafioso. Oltre agli arresti, sono in corso una sessantina di perquisizioni in varie citta’ italiane.
I dettagli dell’operazione saranno resi noti con una conferenza stampa in programma alle 11 a Roma nella sede del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza.
Un’altra bufera si abbatte sulla società sportiva gialloblù,  attualmente al fondo della classifica con sempre più punti di penalizzazione e con non solo l’ormai certa retrocessione, ma anche il pericolo di essere azzerata come società.
Nei giorni scorsi la notizia che l’ex presidente della squadra, l’imprenditore bresciano Tommaso Ghirardi, risulta indagato per bancarotta fraudolenta.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.