Quantcast

Ora anche Brescia ha la sua Dia

Istituita prima di Natale, sabato è stata ufficialmente presentata alla stampa. La Direzione Investigativa Antimafia si occuperà anche di Expo.

Più informazioni su

dia antimafia(red.) Ora anche Brescia ha la sua Direzione Investigativa Antimafia (DIA). L’annuncio è stato dato dal procuratore generale Pierluigi Maria Dell’Osso che ha confermato come l’apertura del nuovo organismo sia avvenuta prima di Natale con personale di polizia giudiziaria organizzato in 4-5 uffici che saranno guidati da un colonnello della Guardia di Finanza distaccato dalla Dia milanese.
La Dia di Brescia avrà competenza anche sul territorio Cremonese, Mantovano e Bergamasco ed entro la fine del mese sarà trasferita in una nuova sede non ancora svelata ma che sarà all’esterno del palazzo di giustizia di via Gambara. Nello specifico gli uomini della Dia, che a pieno regime saranno in tutto una trentina, si occuperanno dell’infiltrazione della criminalità organizzata nel tessuto economico e nella società civile, ma anche del traffico illecito di rifiuti e di Expo 2015.
Per i primi sei mesi di attività, la Dia bresciana potrà avvalersi della collaborazione sul campo di Roberto Pennisi, uno dei 20 magistrati in forze alla Direzione Nazionale Antimafia, responsabile del servizio contro le ecomafie.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.