Quantcast

Tratta di clandestini, cinque in manette

Arrestati 5 indiani che, il 19 settembre, da Brescia, avevano cercato di raggiungere Ventimiglia per far passare il confine a 25 immigrati.

Più informazioni su

(red.) La tratta di clandestini ha subito un duro colpo: cinque indiani sono infatti stati arrestati dalla squadra Mobile della questura di Brescia con l’accusa di essere i componenti di una banda dedita al traffico di immigrati verso la Francia.
In manette autisti ed accompagnatori di un gruppo composto da 25 stranieri che, il 19 settembre, avevano scortato gli immigrati (18 i clandestini, sette senza titoli per la circolazione in Europa) verso Ventimiglia per far loro passare il confine italiano. Il costo del “traghettamento” era di 200 euro a testa.
A notare il gruppetto di stranieri (indiani e pakistani) fermo davanti alla stazione ferroviaria di Brescia, armati di pacchi e bagagli, alcuni agenti della questura che hanno avviato le indagini. Gli extracomunitari erano quindi partiti alla volta della Francia suddivisi in diverse vetture.
Grazie alla collaborazione delle squadre mobili di Genova e Imperia e del commissariato di Ventimiglia, il gruppo, una volta giunto al confine è stato fermato. Le vetture sono state poste sotto sequestro mentre i calndestini sono stati raggiunti da un decreto di espulsione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.