Quantcast

Lozio, è un sacerdote l’escursionista morto

Si chiamava Giulio Corini, aveva 67 anni ed era il parroco di Mura, in Vallesabbia. E' spirato in seguito a un malore.

(red.) Si chiamava don Giulio Corini, aveva 67 anni ed era il parroco di Mura, in Vallesabbia. Sono state rese note le generalità dell’escursionista trovato morto a Lozio, in Valcamonica, la mattina di sabato 13 settembre. Il sacerdote sarebbe deceduto a causa di un malore lungo il sentiero che conduce da Sommaprada a Santa Cristina, a 1000 metri di quota.
Sul posto una decina di tecnici Cnsas, appartenenti a diverse Stazioni della V Delegazione Bresciana, alcuni provenienti anche dalla VI Orobica; il Sagf della Guardia di Finanza; la Protezione Civile di Lozio; i vigili del fuoco e un loro elicottero da Varese. Il recupero è avvenuto per mezzo del gancio baricentrico, poi la salma è stata trasportata in camera mortuaria.
Nella giornata di lunedì viene eseguita l’autopsia sul cadavere del religioso, che sarebbe morto nella giornata di venerdì, diverse ore prima quindi del ritrovamento del cadavere.
Solo dopo il nulla osta per i funerali e la sepoltura per i quali non è ancora stato possibile fissare una data.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.