Incidente a Verolanuova, l’auto non è rubata

L’auto guidata dal 19enne rumeno era del compagno della madre. Nel frattempo, la piccola Greta lotta ancora per la vita a Bergamo.

Più informazioni su

(red.) Greta si trova ancora a Bergamo, dove è stata sottoposta ad un delicato intervento chirurgico al cuore, dopo la rottura dell’aorta.
La bambina di 5 anni, lo ricordiamo, è rimasta coinvolta nell’incidente avvenuto nella serata di mercoledì 20 agosto, a Verolanuova, nel Bresciano.
Bogdan Vasilake, il 19enne alla guida dell’auto che ha provocato lo scontro è morto sul colpo, come il fratellino 11enne di Greta.
Dalle prime ipotesi di ricostruzione, sembrava che l’auto su cui viaggiava il giovane, una Golf,  fosse stata rubata. I  documenti di guida del rumeno, infatti,  non coincidevano con quelli della vettura, intestata a un italiano di 50 anni.
Da un successivo controllo, però,  i carabinieri hanno scoperto che il proprietario dell’auto è il compagno italiano della madre del 19enne.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.