Quantcast

Delitto Maddalena, confermato un ergastolo

Carcere a vita per Daniele Saravini, l'ex poliziotto ritenuto il mandante del delitto avvenuto a Brescia.

(red.) Confermata la condanna all’ergastolo per Daniele Saravini, l’ex poliziotto ritenuto il mandante dell’omicidio della Maddalena.
La Corte d’appello di Brescia ha confermato la condanna per l’uccisione dei due imprenditori macedoni Hristo Uzunov, 42 anni, ed Ekrem Salija, 45 anni, uccisi a colpi di pistola a Brescia, il 23 giugno 2011. I loro corpi vennero ritrovati soltanto mesi dopo, il 15 ottobre dello stesso anno, per caso, da una famigliola che stava raccogliendo castagne. All’origine del duplice omicidio una truffa: Saravini si era fatto dare 400mila euro dai due macedoni per far avere loro un finanziamento di 26 milioni di euro per un centro commerciale a Skopje.
In primo grado era stato condannato anche Luca Cerubini,  ex carabiniere. Nell’ultima settimana di maggio sarà celebrata l’udienza preliminare per Andrea Volonghi, 37 anni, r
ientrato in Italia dopo un periodo di carcere in Tunisia.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.