Quantcast

Brescia, il pedofilo è su Facebook

In manette un 22enne bresciano. Attraverso un falso profilo sul social network ha convinto centinaia di ragazzini a inviargli foto in cui si ritraevano nudi.

Più informazioni su

(red.) Un altro caso di  pedopornografia nel Bresciano.
Nei giorni scorsi, un operaio 22enne residente a Brescia è stato arrestato dalla polizia postale.
Secondo quanto confermato dalle indagini delle forze dell’ordine l’uomo, incensurato, aveva creato un falso profilo su Facebook, spacciandosi per una lolita 16enne di nome Valentina.
Sfruttando la falsa identità, il pedofilo contattava bambini e ragazzini tra i 7 e i 16 anni.
Una volta conquistata la loro fiducia – e promettendo ai più grandi rapporti sessuali con la fantomatica Valentina – li convinceva a inviare materiale fotografico o filmati in cui i ragazzini si ritraevano nudi.
A far scattare l’indagine è stata la denuncia di una madre che nel controllare il cellulare del figlio ha scoperto alcune fotografie compromettenti. Foto che il figlio girava a «Valentina». Grazie alla collaborazione con la direzione di Facebook i poliziotti sono risaliti alla vera identità e sono riusciti a cogliere in flagranza il 22enne.
Le indagini hanno confermato che, dal 2010 ai giorni scorsi, l’uomo è riuscito ad adescare centinaia di giovani vittime. Il giovane, ora, si trova in carcere a Canton Mombello.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.