Quantcast

Tratta di clandestini, perquisizioni a Brescia

Gli immigrati pagavano, ciascuno, tra i 5 e i 10 mila dollari per arrivare in Italia, nascosti all'interno di furgoni, con prima destinazione Trieste.

(red.) Immigrati clandestini, principalmente afghani e pakistani, convogliati in Turchia da dove partivano alla volta della Germania e di altri paesi del nord Europa, via Balcani e Italia.
Qui, in particolare nelle province di Trieste, Brescia e Bergamo, faceva base l’organizzazione criminale straniera di trafficanti sgominata dalla polizia di Trieste. Le indagini – spiega una nota – sono durate un anno e mezzo e condotte dalla squadra mobile di Trieste e dalla Polizia di frontiera, coordinate dal Servizio centrale operativo.
In particolare, sono state dieci le persone, di nazionalità  afghana e pakistana, arrestate nella mattinata di lunedì 12 maggio in flagranza sia in Italia, sia all’estero, e 14 le perquisizioni effettuate fra Trieste, Udine, Bergamo, Brescia e Napoli: è stata sequestrata una notevole quantità di documentazione sull’attività illecita.
I clandestini – un centinaio quelli entrati illegalmente che pagavano all’organizzazione tra i 5 e i 10 mila dollari ciascuno – partivano dalla Grecia a bordo di navi o percorrevano la rotta balcanica, nascosti all’interno di furgoni, con prima destinazione Trieste. Da qui, l’organizzazione li dirottava verso l’Austria, attraverso gli ex valichi confinari di Tarvisio (Ud) e del Brennero (Bz) per raggiungere la meta finale della Germania. Il blitz ha visto impegnati anche uomini della Squadra mobile di Bergamo, Brescia, Udine e Napoli, mentre l’intera operazione si e’ avvalsa della preziosa collaborazione degli organismi di Polizia di Croazia, Slovenia, Austria e Germania.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.