Quantcast

Secessionisti, Orini non risponde al Gip

L' ex imprenditore si è avvalso della facoltà di non rispondere. «Sono un bresciano atipico, mi sento più suddito della Repubblica Serenissima».

(red.) È durato 15 minuti l’interrogatorio di garanzia di Giancarlo Orini, il secessionista bresciano arrestato la scorsa settimana.
L’imprenditore in pensione, considerato dagli inquirenti il fondatore dell’associazione Alleanza, si è avvalso della facoltà di non rispondere. È arrivato in Tribunale a bordo di un’auto dei carabinieri e davanti al Gip si è presentato con in mano il libro “La Repubblica di Venezia”. «Sono un bresciano atipico – ha detto prima di entrare dal Gip Enrico Ceravone – mi sento più suddito della Repubblica Serenissima».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.