Stamina, indagine sul ministro Lorenzin

A muoversi la procura di Napoli, dopo una denuncia arrivata da un libero professionista: in 600 pagine, un elenco di reati e di prove a supporto delle accuse.

(red.) Mentre ancora si attendono i risultati dell’inchiesta della Procura di Torino sul caso Stamina, ora un’altra inchiesta di apre, questa volta a Napoli.
Al centro, una denuncia presentata da un sostenitore del metodo Vannoni, praticato agli Spedali Civili di Brescia. A indagare, il pool affidato al procuratore aggiunto Francesco Greco, responsabile della sezione penale reati commessi dalla pubblica amministrazione e al sostituto procuratore Valter Brunetti. La denuncia arriva da Stefano Moretti, libero professionista di 41 anni, componente dell’Osservatorio Antimafia Abruzzo, che il primo ottobre 2013 si è rivolto ai Carabinieri di Vasto, in provincia di Chieti, in difesa degli ammalati. In 600 pagine, un elenco di reati supportati da prove, che chiamano in causa il ministro Beatrice Lorenzin e i  membri della commissione ministeriale su Stamina.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.