Brescia, sequestrati 38 immobili e azienda

L’ordinanza emessa dalla Corte d’Appello di Milano riguarda Mauro Muscio, pluricondannato per traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

Più informazioni su

(red.) Mauro Muscio, residente a Toirbole Casaglia, nel Bresciano, è il narcotrafficante – condannato  in via definitiva – al quale i militari della Guardia di Finanza di Milano hanno sequestrato, nella mattinata di mercoledì 22 gennaio, 22 unità immobiliari e 16 box per un valore di 9milioni 200mila euro, situati nelle province di Brescia, Milano e Savona.
Sequestrato dai militari anche l’intero capitale sociale in un’impresa bresciana, composto da quote e beni aziendali del valore di circa 1milione 100mila euro.
L’operazione rientra in un più ampio piano di contrasto all’accumulo illecito di patrimoni da parte di esponenti della criminalità organizzata con specifico riferimento ai condannati con sentenza riformata in appello, e fa seguito ad altro provvedimento di confisca, eseguito lo scorso ottobre, di due certificati di deposito del valore di 1milione 350milaeuro, sempre nella disponibilità dello stesso condannato.
Muscio ha una condanna definitiva a 14 anni riportata a Milano e un’altra, non ancora definitiva, inflitta dal Tribunale di Brescia.
Buona parte dei beni risultava intestata ai figli.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.