Riva Acciai, vertice a Roma per ripresa attività

Al tavolo il ministro dello Sviluppo Flavio Zanonato, l'amministratore unico Cesare Riva, il rappresentante della famiglia Bruno Ferrante e il custode giudiziario Mario Tagarelli.

(red.) C’è anche il ministro del Lavoro Enrico Giovannini all’incontro sul caso Riva che è iniziato al ministero dello Sviluppo economico.
Al tavolo siedono il ministro dello Sviluppo Flavio Zanonato, l’amministratore unico di Riva Acciaio Cesare Riva, il rappresentante della famiglia Bruno Ferrante e il custode giudiziario Mario Tagarelli.
Obiettivo della riunione fare il punto della situazione e verificare le possibilità di riapertura degli impianti al di là della norma ad hoc cui sta lavorando il ministro Zanonato. A rischio, lo ricordiamo, ci sono anche oltre 430 posti di lavoro nel Bresciano, in Valcamonica.
«Siamo preoccupati di eventuali rinvii o di un allungamento dei tempi per trovare una soluzione perché l’attività produttiva va ripresa subito – ha dichiarato a Radio1 Rai il segretario nazionale della Fiom-Cgil Maurizio Landini – è l’unica condizione per risanare, fare investimenti: serve continuità produttiva che non solo dia certezze ai lavoratori ma permetta anche di mantenere clienti, mercato,e non metta in discussione l’esistenza stessa della produzione dell’acciaio nel nostro Paese».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.