Quantcast

Elena Zanola dal Gip: “Sono innocente”

Nell'udienza al Palazzo di giustizia per decidere la convalida degli arresti domiciliari, il sindaco di Montichiari ha rimarcato la sua non colpevolezza.

(red.) Si è dichiarata innocente, il sindaco di Montichiari Elena Zanola, agli arresti domiciliari con l’accusa di tentata estorsione.
Nell’udienza fissata davanti al gip Francesco Nappo, nella mattina di venerdì 20 settembre, per decidere la convalida dei domiciliari, Zanola si è avvalsa della facoltà di non rispondere, limitandosi a sottolineare la sua innocenza.  Al Tribunale di Brescia Zanola è arrivata con il marito e con l’avvocato Patrizia Zanetti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.