Quantcast

Cantamessa, il papa scrive alla famiglia

Nel messaggio, inviato al vescovo Luciano Monari, il pontefice scrive che Eleonora ha concluso la sua vita terrena compiendo il gesto del buon samaritano.

(red.) Papa Francesco continua a sorprendere.
Il pontefice ha preso carta e penna e a ha inviato al vescovo di Brescia  Luciano Monari una lettera per la famiglia di Eleonora  Cantamessa, la ginecologa della clinica Sant’Anna,  uccisa mentre prestava soccorso ad un indiano ferito a bordo strada, da leggere durante la celebrazione eucaristica in programma per la sera di venerdì 13 settembre a Brescia.
Nel messaggio, il Papa dice che si unisce spiritualmente alla Santa Eucarestia che viene celebrata nella parrocchia di S. Anna a Brescia per Cantamessa e «rende lode a Dio per la testimonianza di carità cristiana della defunta Eleonora, che metteva gratuitamente la propria professionalità al servizio di tante persone bisognose e ha concluso la sua vita terrena compiendo il gesto del buon samaritano. Mentre la affida alla materna intercessione della Vergine Maria, invia di cuore la benedizione apostolica a vostra Eccellenza, ai genitori e familiari, ai colleghi e agli amici e a quanti prendono parte alla celebrazione».

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.